Qual è la differenza tra correzione e gestione del colore? Una domanda alla quale non è semplice fornire una risposta e che assilla molti operatori del settore del digital imaging, alle prese quotidianamente con la difficoltà di mettere d’accordo le tonalità di fotocamere, monitor e stampanti.
Per risolvere la questione è dunque necessario rivolgersi a chi conosce approfonditamente questi argomenti, come gli esperti del gruppo Coloratti, selezionati da X-Rite tra i più qualificati fotografi e videomaker del mondo.

Fa parte di questa elite la fotografa Marianna Santoni, esperta di digital imaging e Coloratti Master, nonché prima donna italiana a essere scelta, con la qualifica di Adobe® Guru, dalla software house statunitense per le sue approfondite conoscenze di Photoshop.
In questo video ci spiega come affrontare i problemi di cromia nelle immagini digitali e indica precisamente quando correggere il colore e in quali momenti preoccuparsi invece della sua gestione all’interno del flusso di lavoro fotografico, mettendo così a confronto correzione e gestione cromatica delle illustrazioni.

Guarda il video con i consigli di Marianna Santoni per una gestione perfetta dei colori

Seguendo le indicazioni del video di Marianna Santoni, è utile ricordare che:

  • prima di ogni scatto fotografico è fondamentale scegliere il momento giusto della giornata o la fonte luminosa più adatta, per avere sempre a disposizione il tipo di luce che ci garantirà l’effetto cromatico migliore;
  • utilizzando un unico software di lavorazione, si eviteranno differenti risultati cromatici nelle diverse immagini;
  • lo stesso può accadere utilizzando stampanti o monitor diversi, che forniscono rese cromatiche diverse di una stessa fotografia;
  • è fondamentale gestire in modo appropriato la calibrazione dei colori negli strumenti che vengono utilizzati, per garantire una riproduzione cromatica il più fedele possibile agli originali;
  • è necessario prendere in considerazione entrambi gli aspetti, sia la correzione, sia la gestione del colore, per garantire un esito accettabile del flusso di lavoro sulle immagini;
  • non si deve scattare in formato JPG se si sa già che poi sarà necessario correggere il colore in post-produzione;
  • prima di stampare, è sempre consigliabile fare una verifica dei colori dell’immagine sul monitor, precedentemente ben calibrato, per evitare inutili sprechi di carta;
  • bastano pochi minuti per impostare software e attrezzature in modo corretto: si riuscirà così a velocizzare notevolmente il flusso di lavoro, a non sprecare tempo e denaro e ad evitare spiacevoli sorprese…

Che aspetti allora? Trova su Espresso.it tutti i prodotti che ti servono per ottimizzare la tua gestione dei colori!

Contatta al numero 031/3542298 la nostra assistenza per qualsiasi dubbio!